Loggia dei Lanzi

Camminare per la città di Firenze significa incontrare opere d’arte ovunque: palazzi, chiese e statue attendono i visitatori dietro ogni angolo! La città stessa è un museo a cielo aperto! Ma se c’è un posto in cui questa definizione assume il suo pieno significato, è la Loggia della Signoria detta anche Loggia dei Lanzi o Loggia dell’ Orcagna! Qualunque sia il suo nome, la loggia è un esempio unico di una galleria di sculture a cielo aperto contenente arte antica e rinascimentale e uno dei monumenti di Firenze (ed è gratis!).

Si compone di ampi archi aperti sulla strada e il nome Loggia della Signoria deriva dalla sua posizione lungo un lato di Piazza della Signoria, adiacente alla Galleria degli Uffizi. Il nome Loggia dei Lanzi è stato utilizzato dalla metà del XVI secolo, quando il luogo fu utilizzato dal Granduca Cosimo I per ospitare i picchieri mercenari tedeschi, noti come “Lanzichenecchi”. Il nome Loggia dell’Orcagna, d’altra parte, è dovuto ad un’errata attribuzione di un progetto. Fu costruita tra il 1376 e il 1382 da Benci di Cione e Simone di Francesco Talenti, probabilmente su disegno di Jacopo di Sione, per ospitare le assemblee del popolo e per tenere cerimonie pubbliche della Repubblica fiorentina. Fin dal XVI secolo, con la creazione del Granducato di Toscana, la Loggia divenne espressione del potere mediceo e intendeva accogliere alcuni capolavori scultorei, diventando una delle prime aree espositive all’aperto del mondo. Si noti che le sculture non sono state posizionate secondo criteri puramente estetici ma per affermare e rappresentare specifici significati politici. Dopo la costruzione degli Uffizi, il Buontalenti creò un giardino pensile sopra gli archi della Loggia e il tetto divenne una terrazza da cui i Medici poterono assistere alle cerimonie nella piazza (oggi, è una delle più spettacolari terrazze a Firenze, annesse al Museo degli Uffizi, e ospita il bar del museo e vari eventi). Dopo aver ammirato la Loggia dalla piazza, salite le scale che passano tra i due grandi leoni medicei, simbolo di Firenze: quello a destra risale all’epoca romana, quello a sinistra fu scolpito da Flaminio Vacca nel 1598 e fu originariamente posto nella Villa Medici a Roma e nella Loggia nel 1789. Prendetevi il ​​tempo di ammirare le statue da vicino e da tutti i lati. Un piccolo consiglio: visitate la Loggia di notte (sì, è sempre aperta!), Quando il numero di turisti diminuisce drasticamente e le statue si stagliano contro il cielo scuro.

Piazzale Michelangelo

Piazzale Michelangelo è uno dei migliori e più famosi belvederi per gustarsi una vista mozzafiato su Firenze, giorno e notte, e soprattutto è gratis! Ci vuole solo un po ‘di “esercizio di gambe” e ci sono alcuni semplici modi per arrivarci.

Una è una bella passeggiata lungo il lato sud del fiume a monte verso la Torre San Niccolò, un’antica torre delle mura della città medievale ormai distrutte che si possono vedere da lontano protendendosi sui tetti. Qui, siete direttamente sotto la piazza, seguite semplicemente le rampe ad anello fino alla cima della collina. Un’altra bella passeggiata è dalla Porta San Miniato, accessibile da Via San Niccolò. Attraversate la porta e salite su una strada breve ma ripida; di fronte a voi c’è la “scorciatoia”, pittoresca scalinata in pietra che vi porterà dritto in piazza in pochi minuti. Passerete davanti all’ingresso del grazioso roseto durante la salita. Non dimenticate di sbirciare dietro di voi per cogliere il panorama mozzafiato di Firenze.

L’altra alternativa per giungere alla piazza, per coloro che desiderano risparmiare le loro energie, è prendere l’autobus locale numero 12 o 13. Li troverete alla stazione dei treni, vicino al posteggio dei taxi, uno dei due vi porterà fino a Piazza Michelangelo al costo di € 1,20 a corsa singola (i biglietti devono essere acquistati in anticipo presso una tabaccheria).

Le Volpi e l’Uva

Le Volpi e l’Uva è stato aperto nel 1992 da Emilio Monechi, Riccardo Comparini e Ciro Beligni con l’intento di coltivare relazioni con piccoli produttori di vino e creare un locale in cui il vino sia accessibile a tutti. 25 anni fa questo approccio era un modo completamente nuovo di acquistare, vendere e presentare vino a Firenze.

Nel corso degli anni, Le Volpi e l’Uva hanno continuato a cercare in ogni regione d’Italia per i vini, prestando particolare attenzione al territorio unico delle singole aree e denominazioni, evidenziando vini prodotti con uve autoctone e presentando vini prodotti con agricoltura biologica e biodinamica . Le Volpi e l’Uva credono nell’importanza di acquistare direttamente dai produttori di vino, oltre a prendersi del tempo per visitare questi produttori e capire la filosofia di ogni vino.

Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella

In attività dal 1612, questa squisita farmacia-profumeria iniziò la sua vita quando i frati domenicani di Santa Maria Novella iniziarono a preparare cure e unguenti profumati usando erbe medicinali coltivate nel giardino del monastero. Il negozio, con un interno del 1848, vende profumi, prodotti per la cura della pelle, antichi rimedi erboristici e preparati per tutto, dal sollievo delle gambe pesanti al miglioramento dell’elasticità della pelle, della memoria e dell’energia mentale.

Vende anche tè, infusi alle erbe, liquori e candele profumate. Un vero tesoro, il negozio ha cataloghi touchscreen e un sistema di pagamento all’avanguardia, ma riesce ancora a trasudare fascino vintage. Dopo una giornata combattendo folle agli Uffizi o all’Accademia, potresti semplicemente venire qui per una tazza di tè preparato con cura nella sua Tisaneria o per comprare una bottiglia di Aqua di Santa Maria Novella, una delle più antiche miscele di erbe della farmacia , preso per curare gli isterici dal 1614.

Ristorante Essenziale

Essenziale è un progetto iniziato a Settembre del 2016 al servizio della cucina italiana che ama distinguersi dal resto del mondo. Il servizio è curato da un solo cameriere, che prende gli ordini e serve il vino, mentre tutto il resto è fatto dai cuochi, che servono e spiegano i piatti che preparano. Aperto per cena dal martedì alla domenica.

Non c’è una vetrina più raffinata per la moderna cucina toscana di questo ristorante in stile loft in un magazzino del XIX secolo. A preparare i piatti al bar della cucina, con le maniche della camicia arrotolate e nel grembiule da macellaio della marina, è il giovane chef Simone Cipriani. Ordinate uno dei suoi menu degustazione per assaggiare l’intera gamma della sua cucina creativa e moderna ispirata ai classici piatti della cucina toscana.

Se sarete fortunati, sarà lo stesso chef a portare il piatto alla vostra tavola e vi fornirà una spiegazione dettagliata: non perdetevi il suo delizioso dessert Fior d’Evo, con la verza (un altro dei suoi dolci è realizzato con i carciofi). La domenica assaggiate il brunch, favolosamente rivoluzionario con una scelta di tre portate, caffè e acqua illimitati, e molto probabilmente il più notevole toast francese, waffle e uova (con cavolo viola) che abbiate mai assaggiato. Necessaria la prenotazione.

Galleria degli Uffizi

La “Galleria degli Uffizi” è uno dei musei più famosi al mondo, data la ricchezza di opere d’arte uniche e capolavori conservati all’interno delle sue mura, la maggior parte del periodo rinascimentale. La parte principale delle collezioni fu lasciata dai Medici allo stato della Toscana in modo che potessero “adornare lo Stato, essere di utilità per il pubblico e attirare la curiosità degli stranieri”.

Situato nel cuore di Firenze, la Galleria degli Uffizi ospita opere d’arte di grandi artisti italiani come Botticelli, Giotto, Cimabue, Michelangelo, Leonardo da Vinci e Raffaello, solo per citarne alcuni tra i più famosi. La sua vasta collezione ha opere di tutti i secoli, ma gran parte risale ai periodi tra il 12 ° e il 17 ° secolo.

La Galleria degli Uffizi è una destinazione da non perdere per chi visita Firenze e la Toscana e accoglie oltre un milione di visitatori ogni anno. Gli Uffizi, insieme ai Musei Vaticani a Roma, sono i primi due musei più visitati in Italia da visitatori provenienti da tutto il mondo e le lunghe code all’ingresso del museo sono famose quasi quanto i suoi capolavori!

Piazza della Signoria

La Piazza della Signoria è stata il centro della vita politica a Firenze fin dal 14°secolo con l’importante Palazzo Vecchio che sovrasta la piazza. Fu teatro di grandi trionfi, come il ritorno dei Medici nel 1530 e il Falò delle vanità istigato da Savonarola, che fu poi qui bruciato sul palo nel 1498 dopo essere stato denunciato dall’Inquisizione come eretico. Un’iscrizione in marmo sulla piazza mostra la posizione in cui è stato bruciato.

Le sculture in Piazza della Signoria sono piene di connotazioni politiche, molte delle quali sono ferocemente contraddittorie. Il David (l’originale è nella Galleria dell’Accademia) di Michelangelo è stato collocato all’esterno di Palazzo Vecchio come simbolo della sfida della Repubblica contro i tirannici Medici.

Ercole e Caco (1534) di Bandinelli alla destra di David fu confiscato dai Medici per mostrare il loro potere fisico dopo il loro ritorno dall’esilio. Il Nettuno (1575) di Ammannati celebra le ambizioni marittime dei Medici e la statua equestre di Giambologna del Duca Cosimo I (1595) è un elegante ritratto dell’uomo che portò tutta la Toscana sotto Regola militare medicea.

La Cattedrale di Firenze

Il Duomo di Firenze è il cuore della città, sia geograficamente che emotivamente. È l’orgoglio di Firenze e una delle chiese più impressionanti del mondo. Se avete solo un’ora a disposizione per visitare la città, trascorretela in Piazza Duomo e nelle strade circostanti. Se avete più tempo, approfittatene per salire sulla cupola per una vista mozzafiato della città.

Il Duomo di Firenze è stato un simbolo di grandezza sin dai tempi della sua costruzione. Fu chiaramente la più grande chiesa del suo tempo, ed era intesa come un modo per pubblicizzare la ricchezza e il potere della città e distinguersi dalle cattedrali delle città rivali Siena e Pisa.

Questa fenomenale chiesa può sembrare quasi troppo grande. Sorge sopra le strette vie del centro città ed è chiaramente visibile da ogni direzione, incluse le colline circostanti.

Da vicino la cattedrale di Firenze è una festa per gli occhi. Ha tre absidi, coronate da copie in miniatura della cupola maggiore ed è affiancata dal magnifico campanile gotico di Giotto. La facciata in marmo è più recente. E’stata terminata solo nel 19° secolo e costituisce un meraviglioso esempio di stile neo-gotico.

La Torre pendente di Pisa

La Torre pendente di Pisa

La Torre Pendente di Pisa è il coronamento della piazza. Sebbene fosse solo un terzo più in alto del Monumento a Washington, fu un miracolo dell’ingegneria medievale, probabilmente il campanile più alto d’Europa.

Con 207 colonne disposte su otto piani, la Torre di Pisa sembra una gigantesca torta nuziale sbilanciata precariamente da un goffo ospite gigante. La costruzione della Torre di Pisa iniziò nell’agosto del 1173 e continuò per circa 200 anni a causa dell’inizio di una serie di guerre. Fino ad oggi, il nome dell’architetto è un mistero. Torre pendente di Pisa e Cattedrale La Torre pendente di Pisa è stata progettata come una torre campanaria circolare alta 185 piedi. È costruita in marmo bianco.

La torre ha otto piani, inclusa la camera per le campane. La parte inferiore è costituita da 15 archi di marmo. Ognuno dei sei piani successivi contiene 30 archi che circondano la torre. La parte finale è la “camera” della stessa campana, che ha 16 archi. C’è una scala a chiocciola di 297 gradini all’interno della torre che porta in cima. La cima della torre pendente di Pisa è a circa 17 piedi dalla verticale. La torre è anche leggermente curvata dai tentativi di vari architetti di impedirgli di sporgersi di più o di cadere.

Molte idee sono state suggerite per raddrizzare la Torre di Pisa, incluso smontarla pietra per pietra e ricostruirla in un luogo diverso. Negli anni ’20 le fondamenta della torre furono iniettate con malta cementizia che ha stabilizzato la torre in una certa misura. Fino agli ultimi anni ai turisti non era permesso salire le scale all’interno della torre, a causa dei lavori di consolidamento.