Lumière

La città, il Duomo, i vicoli e le piazze saranno illuminati con colori e immagini che racconteranno storie e sogni, visioni e suggestioni di artisti che, con le loro creazioni, i giochi di luci e ombre, daranno vita a questo spettacolo natalizio . Ingresso libero.

Processione delle Paniere

Tipica processione religiosa con il famoso cesto di fiori per le vie del borgo di Santa Maria a Monte. Santa Maria a Monte fu la città natale del padre di Galileo Galilei, Vincenzo, compositore e suonatore di liuto. La famiglia del poeta Giosuè Carducci viveva a Santa Maria a Monte, dove suo padre era un medico rurale. Ogni anno, il lunedì di Pasqua, la Processione delle Paniere (processione dei cestini) si snoda attraverso la città. A questo festival, le ragazze portano in testa un cesto di fiori in onore della Beata Diana Giuntini, una ricca signora del Trecento che ha lasciato le sue cose per vivere in povertà.

Palazzo Blu

Osservando il Palazzo Blu, splendidamente conservato, potete farvi un’idea dell’alta società pisana. Questa galleria d’arte, museo e centro culturale mostra i lavori dei maestri pisani dal 14 ° secolo in poi nella sua collezione permanente. Potrete inoltre godere di una bellissima vista sul fiume Arno.

Palazzo Blu mette in mostra la ricchezza artistica di Pisa che va al di là della famosissima Torre Pendente. L’elegante facciata blu cielo del palazzo, la porta ad arco in pietra e il classico tetto in tegole, lo distinguono dagli edifici di colore più neutro che lo circondano.

La collezione d’arte permanente fu iniziata dalla fondazione di Palazzo Blu negli anni ’50 e comprende molte opere di pittori del XVII secolo, sculture significative e acquisti moderni. La maggior parte delle opere ha qualche connessione con Pisa, sia essa attraverso i loro artisti, clienti o soggetti.

Palazzo Blu ha una costruzione del 14 ° secolo con sontuosi interni del 19 ° secolo. Potrete ammirare sculture, dipinti, monete, manufatti, mobili antichi e pezzi di design moderno. La galleria d’arte ospita anche diverse mostre temporanee durante l’anno, spesso di grandi artisti europei e di tutto il mondo.

Corso Italia

I due quartieri storici di questa parte della città, il Mezzogiorno, sono divisi da una strada molto vivace: Corso Italia, la strada principale di Pisa.

Una passeggiata ideale può iniziare dalla stazione centrale, che è stata costruita nel 1863 e poi ristrutturata dopo il bombardamento della seconda guerra mondiale.

In realtà, questa parte della città ha ancora dei segni molto chiari degli atroci bombardamenti del 1944 quando Pisa fu attaccata per 45 giorni consecutivi: 57 bombardamenti, oltre 3000 civili uccisi e il 50% degli edifici distrutti.

Questa tragedia è ancora evidente camminando a piedi dalla stazione verso Corso Italia. Tutti gli edifici sono moderni o sono stati ricostruiti.

Passeggiando per via Gramsci, arriviamo ad una piazza ellittica, abbastanza caotica per via del traffico: questa è Piazza Vittorio Emanuele, rappresentata dalla statua nel mezzo. Ricordatevi il nome di questa piazza: la maggior parte degli autobus urbani si fermano qui, c’è un grande parcheggio sotterraneo e l’ufficio postale centrale si trova qui.

Gli edifici nella piazza sono in stile neogotico e furono costruiti con la piazza nel 1872 dopo la demolizione di parte delle mura cittadine e della vecchia Porta di San Giulio.

Sempre in questa piazza si trova la chiesa di Sant’Antonio, che dà il nome a uno dei quartieri. La chiesa fu ricostruita dopo il bombardamento con l’eccezione della facciata, che è nel tipico stile pisano.

Piazza dei Cavalieri

La Piazza dei Cavalieri, fiancheggiata da edifici splendidamente decorati, è stata il cuore politico di Pisa ed è la seconda piazza più importante dopo la Piazza dei Miracoli. Una visita alla chiesa rinascimentale di Santo Stefano dei Cavalieri vi darà una vera visione della colorata storia marittima della città.

Fu in questa piazza che nel 1406 l’emissario fiorentino proclamò la fine dell’indipendenza pisana. Centocinquanta anni dopo, Cosimo I de ‘Medici, granduca di Toscana, chiese al suo architetto preferito Giorgio Vasari di modernizzare questo spazio in stile rinascimentale. Dedica il suo ruolo all’ordine militare dei Cavalieri di Santo Stefano, il cui ruolo era quello di combattere l’Impero Ottomano che stava avanzando.

Piazza del Campo

Un simbolo universale della città, la distinta formazione di Piazza del Campo è solo uno dei motivi per cui l’UNESCO riconosce Siena come l’incarnazione ideale di una città medievale. Costruito nel luogo esatto in cui le tre antiche città collinari si estendevano insieme, prima di unirsi per creare la comunità di Siena.

La piazza principale, comunemente chiamata “il Campo”, è stata costruita sull’intersezione delle tre strade principali che portano a Siena e da Siena, destinata ad essere un terreno neutrale dove si potevano celebrare feste politiche e civili. La forma architettonica omogenea della piazza e gli edifici di fronte non erano un avvenimento accidentale; il governo ha creato delle linee guida nel 1297, prima della costruzione effettiva degli edifici quadrati e civili. Se nessuna struttura non aderiva, allora venivano demolite – come era l’antica chiesa per San Pietro e Paolo. Ciò significa che è sempre stata l’intenzione del capo di città di creare una struttura armoniosa tra gli edifici e la piazza.

La piazza, con una circonferenza di 333 metri, è pavimentata con un disegno a coda di pesce di mattoni rossi diviso da 10 linee di pietra bianca di travertino che creano un aspetto a conchiglia con 9 sezioni che puntano direttamente al Palazzo Pubblico, la sede civica. Ogni sezione rappresenta uno dei 9 governanti al governo nel “governo dei nove” e da tempo considerato uno dei governi più stabili e pacifici in Italia. Artisticamente parlando, le sezioni dovevano assomigliare alle pieghe del mantello della Vergine Maria, che non era solo il santo patrono, ma considerato il “supremo sovrano” di Siena. Sebbene alcuni abbiano suggerito che la costruzione armonica della piazza sia una rappresentazione artistica della valle di Montone.

La Cattedrale di Lucca

Il Duomo di Lucca è un luogo di leggende ed emozioni. È il guardiano geloso del Volto Santo. Ospita anche la tomba di Ilaria del Carretto, una delle opere più raffinate della scultura italiana del XV secolo.

L’esterno in stile romanico, con il suo elegante portico, le arcate e le porte splendidamente decorate, merita una buona visione prima ancora di entrare nella chiesa. Si noti la scultura equestre vividamente espressiva (circa 1240) dedicata all’episodio che ha cambiato la vita di San Martino.

Sotto lo stesso porticato vi è un labirinto scolpito nella pietra; una figura molto amata dai cercatori di mistero che rappresenta un viaggio di risveglio spirituale e, per i più religiosi, la salvezza attraverso la fede. Sul lato destro un’iscrizione latina recita: “Questo è il labirinto costruito da Dedalo di Creta, dal quale nessuno potrebbe scappare eccetto Tese aiutato dal filo di Arianna”.

Torre Guinigi

Costruito in mattoni rossi e sormontato da antichi lecci, l’edificio di torre Guinigi alto 125 piedi è una delle poche case torri rimaste a Lucca. Fu costruito intorno al 1384 da ricchi mercanti di seta e, sebbene nessuno sappia esattamente quanti anni abbia il giardino sul tetto, risale almeno al 1600 quando appare in un disegno contemporaneo della città.

Un tempo irta di ben 250 case a torre difensive, oggi ne rimangono solo circa 9 nell’antica città fortificata. Le torri furono costruite durante gli anni di peste mercenaria, quando la Toscana fu ripetutamente sconvolta da malattie, incursioni e esplosioni di violenza politiche. Il quattordicesimo secolo in Italia era, come si suol dire, particolarmente Interessante. Aveva senso avere una torre difensiva personale.

Il centro di Lucca risale all’epoca romana, ma ha sperimentato il suo progresso durante il Medioevo come crocevia di commerci e centro del commercio della seta. Indipendente dal 1119, nel 1314 Lucca fu razziata e cadde sotto il potere di un condottiere locale, o mercenario, Castruccio Castracani. Ambizioso e spietato, Castracani puntò a conquistare più terra, inclusa la vicina Firenze, e passò il resto del suo governo a fare guerra ai vicini (la sua storia di vita fu documentata in dettaglio da Machiavelli).

Dopo la sua morte, il potere della città cadde nelle mani della famiglia Guinigi. Come nelle vicine Pisa, Siena e Firenze, i ricchi proprietari terrieri iniziarono a costruire una torre sulla loro casa di palazzo, sia come manifestazione della loro ricchezza e potenza, ma anche come posizione difensiva e punto di vista quando le cose si facevano difficili. In tutta la Toscana, la forma delle merlature nella storia principale spesso indicava la lealtà del proprietario. La mania della costruzione della torre diventò un problema che molte città toscane affrontarono stabilendo limiti di altezza e stile delle torri. Nelle battaglie, la distruzione delle torri – spesso proprietà mirate di determinate famiglie – era comune ed era un duro colpo per l’orgoglio della città vittima in seguito.

Napoleone fece irruzione in Toscana nel 1805, la annetté in Francia e donò Lucca a sua sorella Elisa nel 1809. Mantenne il titolo di Granduchessa di Toscana fino al 1 ° febbraio 1814. A lei si possono attribuire le mura esterne e gli alberi ben mantenuti piantati lungo di esse.

Restaurato e riaperto negli anni ’80, oggi il giardino sul tetto della torre è accessibile tramite una scala di 230 gradini (un’aggiunta moderna – le scale originali erano all’esterno). Dal tetto si possono vedere i contorni delle tre cinte murarie concentriche, il centro della città romana e le poche altre torri rimaste. Dall’altra parte della città, la Torre dell’Orologio è aperta anche per l’arrampicata.

Piazzale Michelangelo

Piazzale Michelangelo è uno dei migliori e più famosi belvederi per gustarsi una vista mozzafiato su Firenze, giorno e notte, e soprattutto è gratis! Ci vuole solo un po ‘di “esercizio di gambe” e ci sono alcuni semplici modi per arrivarci.

Una è una bella passeggiata lungo il lato sud del fiume a monte verso la Torre San Niccolò, un’antica torre delle mura della città medievale ormai distrutte che si possono vedere da lontano protendendosi sui tetti. Qui, siete direttamente sotto la piazza, seguite semplicemente le rampe ad anello fino alla cima della collina. Un’altra bella passeggiata è dalla Porta San Miniato, accessibile da Via San Niccolò. Attraversate la porta e salite su una strada breve ma ripida; di fronte a voi c’è la “scorciatoia”, pittoresca scalinata in pietra che vi porterà dritto in piazza in pochi minuti. Passerete davanti all’ingresso del grazioso roseto durante la salita. Non dimenticate di sbirciare dietro di voi per cogliere il panorama mozzafiato di Firenze.

L’altra alternativa per giungere alla piazza, per coloro che desiderano risparmiare le loro energie, è prendere l’autobus locale numero 12 o 13. Li troverete alla stazione dei treni, vicino al posteggio dei taxi, uno dei due vi porterà fino a Piazza Michelangelo al costo di € 1,20 a corsa singola (i biglietti devono essere acquistati in anticipo presso una tabaccheria).

Piazza della Signoria

La Piazza della Signoria è stata il centro della vita politica a Firenze fin dal 14°secolo con l’importante Palazzo Vecchio che sovrasta la piazza. Fu teatro di grandi trionfi, come il ritorno dei Medici nel 1530 e il Falò delle vanità istigato da Savonarola, che fu poi qui bruciato sul palo nel 1498 dopo essere stato denunciato dall’Inquisizione come eretico. Un’iscrizione in marmo sulla piazza mostra la posizione in cui è stato bruciato.

Le sculture in Piazza della Signoria sono piene di connotazioni politiche, molte delle quali sono ferocemente contraddittorie. Il David (l’originale è nella Galleria dell’Accademia) di Michelangelo è stato collocato all’esterno di Palazzo Vecchio come simbolo della sfida della Repubblica contro i tirannici Medici.

Ercole e Caco (1534) di Bandinelli alla destra di David fu confiscato dai Medici per mostrare il loro potere fisico dopo il loro ritorno dall’esilio. Il Nettuno (1575) di Ammannati celebra le ambizioni marittime dei Medici e la statua equestre di Giambologna del Duca Cosimo I (1595) è un elegante ritratto dell’uomo che portò tutta la Toscana sotto Regola militare medicea.

Special Offer July

Book 7 nights from now till the 24th in mobile home Classic, Classic Plus and Superior and get the 50% discount. To book write us on info@toscanavillage.com

Special Offer September

Book 7 nights with 2 nights FREE Valid for stays in a mobile home in September.

Special Offer October

Book your mobile home for a month at 500€
info@toscanavillage.com or 0039 0571 449 032

Offerta Luglio 2020

Prenota la tua vacanza in casa mobile Classic, Classic Plus e Superior per minimo 7 notti e avrai uno sconto del 50%. Per aderire all'offerta scrivici a info@toscanavillage.com

Offerta Settembre

Prenota la tua vacanza per minimo 7 notti e avrai 2 notti GRATIS.

Offerta Ottobre

Prenota la tua casa mobile per un mese a 500€.
info@toscanavillage.com or 0039 0571 449 032