Corso Italia

I due quartieri storici di questa parte della città, il Mezzogiorno, sono divisi da una strada molto vivace: Corso Italia, la strada principale di Pisa.

Una passeggiata ideale può iniziare dalla stazione centrale, che è stata costruita nel 1863 e poi ristrutturata dopo il bombardamento della seconda guerra mondiale.

In realtà, questa parte della città ha ancora dei segni molto chiari degli atroci bombardamenti del 1944 quando Pisa fu attaccata per 45 giorni consecutivi: 57 bombardamenti, oltre 3000 civili uccisi e il 50% degli edifici distrutti.

Questa tragedia è ancora evidente camminando a piedi dalla stazione verso Corso Italia. Tutti gli edifici sono moderni o sono stati ricostruiti.

Passeggiando per via Gramsci, arriviamo ad una piazza ellittica, abbastanza caotica per via del traffico: questa è Piazza Vittorio Emanuele, rappresentata dalla statua nel mezzo. Ricordatevi il nome di questa piazza: la maggior parte degli autobus urbani si fermano qui, c’è un grande parcheggio sotterraneo e l’ufficio postale centrale si trova qui.

Gli edifici nella piazza sono in stile neogotico e furono costruiti con la piazza nel 1872 dopo la demolizione di parte delle mura cittadine e della vecchia Porta di San Giulio.

Sempre in questa piazza si trova la chiesa di Sant’Antonio, che dà il nome a uno dei quartieri. La chiesa fu ricostruita dopo il bombardamento con l’eccezione della facciata, che è nel tipico stile pisano.

Tre Cristi

I ristoranti di pesce sono in minoranza in questa regione ossessionata dalla carne, quindi la lunga esistenza di Tre Cristi (dal 1830) dovrebbe essere degnamente celebrata. Il menu qui è elegante come l’arredamento, e tocchi come un bicchiere di prosecco all’inizio del pasto aggiungono un surplus a questa esperienza. Servizio esemplare

Piazza dell’Anfiteatro

La Piazza dell’Anfiteatro di Lucca è oggi una vivace piazza dove i turisti possono gustare il loro cibo e bevande, ma diversi secoli fa, fu proprio in quel luogo che i gladiatori combatterono per la supremazia di fronte a un pubblico rapito.

Situata sul lato nord-orientale dell’antica città murata italiana, la piazza del mercato è circondata da edifici costruiti esattamente sulle linee di un antico anfiteatro romano, utilizzando parti della struttura originale, dandole una forma ellittica distintiva e il suo nome. Il modo migliore per vedere la forma della piazza è dall’alto, ma la vista dall’interno degli edifici offre anche una prospettiva diversa della piazza.

La costruzione dell’anfiteatro iniziò nel primo secolo, ma non fu completata molto tempo dopo con l’aiuto finanziario di un residente benestante. Le 18 file del teatro potevano ospitare circa 10.000 spettatori, rendendolo un importante sito di intrattenimento e giochi di forza.

Durante le guerre gotiche del VI secolo, il sito, insieme a molte parti della città, fu fortificato e in seguito furono costruite case e persino prigioni sulle rovine fatiscenti del teatro. La piazza assunse la sua forma attuale tra il 1830 e il 1839, quando l’architetto Lorenzo Nottolini demolì alcuni degli edifici che affollavano l’interno dell’arena e ripristinò la sua struttura utilizzando la pianta ellittica originale. La base dell’anfiteatro è ora sepolta circa nove piedi sotto il centro, e le restanti volte e gli archi sono stati incorporati nei moderni negozi, caffè e case che circondano la piazza.

La Piazza, che è anche chiamata Piazza del Mercado, può essere raggiunta tramite quattro porte, ciascuna ai quattro estremi dell’ellisse. Una recente aggiunta alla piazza, una massiccia scultura in bronzo di una testa umana dell’artista polacco Igor Mitoraj, sta rapidamente diventando uno degli sfondi per selfie più popolari a Lucca.

Gustevole

Con sapori invitanti come la liquirizia e la menta, la ricotta con fichi e noci, o il nocciolo di pino fatto con chicchi pisani locali (noci in cioccolatini caramellati e croccanti), l’ultima aggiunta al gelato artigianale di Lucca è l’oro puro. Il gelato è biologico, naturale e senza glutine. La chiave per entrare nel paradiso del gelato: chiedi un ciuffo di panna montata spessa sopra.

Le Volpi e l’Uva

Le Volpi e l’Uva è stato aperto nel 1992 da Emilio Monechi, Riccardo Comparini e Ciro Beligni con l’intento di coltivare relazioni con piccoli produttori di vino e creare un locale in cui il vino sia accessibile a tutti. 25 anni fa questo approccio era un modo completamente nuovo di acquistare, vendere e presentare vino a Firenze.

Nel corso degli anni, Le Volpi e l’Uva hanno continuato a cercare in ogni regione d’Italia per i vini, prestando particolare attenzione al territorio unico delle singole aree e denominazioni, evidenziando vini prodotti con uve autoctone e presentando vini prodotti con agricoltura biologica e biodinamica . Le Volpi e l’Uva credono nell’importanza di acquistare direttamente dai produttori di vino, oltre a prendersi del tempo per visitare questi produttori e capire la filosofia di ogni vino.

Ristorante Essenziale

Essenziale è un progetto iniziato a Settembre del 2016 al servizio della cucina italiana che ama distinguersi dal resto del mondo. Il servizio è curato da un solo cameriere, che prende gli ordini e serve il vino, mentre tutto il resto è fatto dai cuochi, che servono e spiegano i piatti che preparano. Aperto per cena dal martedì alla domenica.

Non c’è una vetrina più raffinata per la moderna cucina toscana di questo ristorante in stile loft in un magazzino del XIX secolo. A preparare i piatti al bar della cucina, con le maniche della camicia arrotolate e nel grembiule da macellaio della marina, è il giovane chef Simone Cipriani. Ordinate uno dei suoi menu degustazione per assaggiare l’intera gamma della sua cucina creativa e moderna ispirata ai classici piatti della cucina toscana.

Se sarete fortunati, sarà lo stesso chef a portare il piatto alla vostra tavola e vi fornirà una spiegazione dettagliata: non perdetevi il suo delizioso dessert Fior d’Evo, con la verza (un altro dei suoi dolci è realizzato con i carciofi). La domenica assaggiate il brunch, favolosamente rivoluzionario con una scelta di tre portate, caffè e acqua illimitati, e molto probabilmente il più notevole toast francese, waffle e uova (con cavolo viola) che abbiate mai assaggiato. Necessaria la prenotazione.

Special Offer 2021

Summer 2021 offer valid from 07/04/2021 to 30/06/2021

BOOK YOUR HOLIDAY NOW AND YOU WILL GET 20% DISCOUNT FOR STAYS OF MINIMUM 4 NIGHTS FROM 07/04/2021 TO 30/06/2021.

FREE CANCELLATION UP TO 7 DAYS BEFORE ARRIVAL.

For info: 📧 info@toscanavillage.com 📞 0571/449032
# summer21 #relax

info@toscanavillage.com or 0039 0571 449 032

Offerta Estate 2021

Offerta Estate 2021 valida dal 07/04/2021 al 30/06/2021

PRENOTA ORA LA TUA VACANZA E AVRAI IL 20% DI SCONTO PER SOGGIORNI DI MINIMO 4 NOTTI DAL 07/04/2021 AL 30/06/2021.

CANCELLAZIONE GRATUITA FINO A 7 GIORNI PRIMA DELL’ARRIVO.

 Per info: 📧 info@toscanavillage.com 📞 0571/449032
#estate21 #vogliamocibene❤️ #relax

Offerta Vendita CM 23

Vogliamo proporvi questa casa mobile Classic Charmeur in offerta al prezzo di 10.100€ esclusa la terrazza. La terrazza può essere acquistata separatamente al costo di 250€ al mese per un anno.

Per ulteriori informazioni chiamare lo 0571 449032 o inviare un'e-mail a info@toscanavillage.com

info@toscanavillage.com or 0039 0571 449 032